Carrello

I 5 più grandi miti sulla pulizia delle finestre

Sono poche le discipline domestiche che hanno generato un tale numero di miti. Giornali, filtri per il caffè, calze di nylon o un moderno lavavetri?

22.07.2022

La pulizia delle finestre ha un solo obiettivo: ottenere finestre perfettamente pulite e prive di striature. E, visto che ottenere un risultato impeccabile non è per niente facile, molti miti sono nati su questa disciplina. Giornali, filtri per il caffè, calze in nylon - i consigli della nonna per vetri perfetti e privi di striature vengono sfidati da soluzioni più moderne, dai detergenti agli aspiratori per finestre. Ma quali sono davvero le tecniche e gli agenti che permettono di pulire le finestre in modo perfetto e più rapidamente? E quali invece sono controproduttivi? 

Il tuo cane ha appena salutato il gatto del vicino premendo il suo muso umido contro la finestra della terrazza, e tuo figlio di tre anni fa lo stesso con il naso e le dita imbrattate di cioccolata. Quindi, anche se hai pulito le finestre solo da poco, ti tocca farlo di nuovo! Queste noiose pulizie di mantenimento si verificano di rado. Troppi attrezzi, troppe fasi di lavorazione - il solo pensiero di dover pulire le finestre scoraggia anche i più entusiasti. A un certo punto però, lo sporco, la polvere e le gocce di pioggia che impediscono la visuale cominciano a irritarti. Non solo il tuo benessere, ma anche le occhiate critiche dei vicini determinano la frequenza con cui pulisci le finestre. Le persone che vivono al pianterreno tendono a pulire le loro finestre più spesso rispetto a quelli che vivono ai piani superiori.

Ognuno ha la propria strategia per ottenere vetri senza aloni. Ma qual è il mito più grande sulla pulizia delle finestre? E come mescolare il detergente usato per pulire le finestre? Una cosa è certa: non è necessario avere un costoso detergente professionale, a meno che non si abbia intenzione di pulire un intero palazzo. Tuttavia l'acquisto di uno strumento ad hoc potrebbe essere utile anche per normali case – se è vero che con l'aiuto di un lavavetro professionale si possono evitare fino a due terzi di questo lavoro!

Mito numero 1: non pulire mai le finestre quando c'è il sole! 

Vero - almeno fino ad ora: Il bel tempo è un cattivo momento per pulire le finestre, soprattutto quando i vetri delle finestre sono esposti ai raggi caldi del sole. A causa loro l'acqua infatti evapora rapidamente. Risultato: orrende striature e aloni. Quando brilla il sole è sempre meglio pulire all'interno - oppure rimandare del tutto le pulizie e godersi la bella giornata all’aperto. Un suggerimento: chi non vuole attendere può provare subito il nostro Lavavetro Folletto VG100, che rimuove i residui di liquido durante la pulizia e non lascia alcuna striscia, anche quando brilla il sole.

Mito numero 2: i giornali sono il meglio per strofinare le finestre

Non necessariamente! È noto che i giornali assorbono molto bene l'acqua in eccesso, ma l'inchiostro della stampante sulla carta potrebbe macchiare il bianco delle strutture dei vetri. Se si è sfortunati l'uso di un quotidiano potrebbe persino richiedere del lavoro aggiuntivo. Altri stratagemmi, come l'uso dei filtri del caffè o di calze di nylon, sono più sicuri ma non rimuovono completamente lo sporco. Se si vogliono delle finestre senza aloni è decisamente meglio usare un panno in microfibra o la classica pelle di daino.

Mito numero 3: con l'acqua calda le finestre si puliscono più velocemente 

Non del tutto vero! L'acqua dovrebbe essere calda solo al tatto per evitare l'evaporazione degli agenti (solitamente etanolo), che potranno così mettere in campo il loro pieno effetto. L'aggiunta di alcune gocce di liquido detergente in combinazione con un po' di aceto o spirito è l’arma segreta più conosciuta. Questi due additivi sciolgono con efficacia i residui di sporco dalle superfici di vetro. Per chi però ha un naso sensibile e vuole pulire le superfici in vetro in modo sostenibile, suggeriamo per precauzione l'uso di un moderno detergente.

Mito numero 4: combattere le striature e gli aloni con un detergente per vetro

Solo in parte! Molti detergenti per vetro includono additivi inclusi aromi che si depositano sulle finestre come una pellicola sottile, e pertanto non impediscono ma incoraggiano la formazione di aloni. Il tè nero è spesso raccomandato contro le striature più ostinate. Questo rimedio casalingo ha un fantastico effetto sui vetri, ma se usato regolarmente può macchiare i telai delle finestre. Il modo più sicuro di ottenere delle finestre prive di striature non consiste quindi nell'uso di prodotti aggiuntivi, ma nel rimuovere in profondità tutti i residui di liquido sulla superficie del vetro. Quando non ci sono liquidi, non ci sono sostanze che possono asciugarsi sui vetri e la pulizia è assicurata!

Mito numero 5: almeno tre fasi del lavoro non possono proprio essere evitate

Non necessariamente con l’uso di un lavavetro professionale! Lavare il vetro, far scorrere l'acqua e strofinare - questa procedura è oggi superata, grazie all'uso di strumenti tecnici che perfezionano la pulizia del vetro. L'uso di un lavavetro rende infatti le fasi della pulizia rapide e divertenti: il Lavavetro Folletto VG100 a batteria umidifica in modo uniforme usando l'acqua e il detergente: rimuove lo sporco su tutte le superfici in vetro lisce della casa e assorbe l'acqua tramite una linguetta, e tutto in un solo passaggio. Mai più brutte striature, neanche quando brilla il sole!